data-src=

5 min

Probiotici

I punti chiave dell'articolo

Naturalmente presenti nell'organismo, i probiotici sono organismi viventi, dei batteri, che costituiscono diversi microbioti nel nostro corpo.

I probiotici sono i batteri "sani" che contribuiscono alla buona salute dell'organismo; se si sbilanciano troppo verso i batteri "cattivi", possono verificarsi diverse conseguenze negative.

I probiotici si trovano in particolare nei prodotti lattiero-caseari, ma in caso di carenza o di alcuni eventi specifici è possibile un'integrazione.

A prima vista, quando si sente parlare di batteri, si è un po' scettici, persino un po' disgustati. I batteri non godono di una buona reputazione, e per una buona ragione. Tuttavia, ce ne sono alcuni buoni che lavorano a favore della nostra salute, come i probiotici!  


Definiti come gli alleati del nostro intestino e del nostro sistema immunitario in generale, da qualche anno si parla sempre di più di probiotici perché la scienza ne ha compreso chiaramente l'importanza. Tra benefici digestivi, intestinali, vaginali o orali, i probiotici svolgono un ruolo essenziale nel nostro organismo.  


Ti stai chiedendo come i funghi (ebbene sì!) possano avere un effetto positivo sulla tua salute? Vediamolo subito!

probiotiques

Cosa sono i probiotici e a cosa servono?

Definiti dall'OMS come "microrganismi vivi che, se ingeriti in quantità sufficiente, esercitano effetti positivi sulla salute", i probiotici sono batteri naturalmente presenti nell'intestino, nella bocca o all'interno della vagina.  


Questi batteri mantengono l'equilibrio della flora intestinale, regolano il sistema immunitario, favoriscono il transito e molto altro ancora. I probiotici aiutano l'organismo a combattere eventuali malattie e infezioni.  


In particolare, questi microrganismi formano uno scudo contro i batteri cattivi che vorrebbero insediarsi nel corpo e scatenare episodi di diarrea, stitichezza, infiammazioni e altre malattie. Per questo motivo svolgono un ruolo essenziale nell'intero sistema immunitario.  


Naturalmente presenti nel nostro organismo, in caso di carenza, possiamo integrare i probiotici assumendo un integratore alimentare probiotico in polvere o in capsule.  


Ma si trovano anche in alcuni alimenti:

  • yogurt,
  • kefir,
  • cetriolini,
  • alcuni formaggi. 

Quali sono i benefici dei probiotici?

probiotici hanno molte funzioni e benefici. Questa famiglia di microrganismi positivi comprende batteri lattici (come i lattobacilli) o bifidobatteri, lieviti come il saccharomyces cerevisiae o bacilli.  


Nel corso degli anni e attraverso vari esperimenti, il mondo scientifico sa quanto i probiotici possano prevenire disturbi, infezioni e infiammazioni. I probiotici hanno il pregio di riequilibrare la flora batterica e di rafforzare il sistema immunitario.  


Ecco alcuni dei benefici dei probiotici oggi riconosciuti.  

Protezione dell'intestino

Quando parliamo di probiotici, è impossibile non pensare all'intestino! È logico, perché i probiotici nascono nell'intestino. Non appena nasciamo, miliardi di batteri vi si insediano - ed è una cosa positiva. Formando una sorta di nido accogliente per gli organismi viventi, l'intestino li accoglie soprattutto per beneficiare della loro protezione. I probiotici diventano i difensori del nostro intestino!  


Come guerrieri, questi microrganismi combattono costantemente contro i batteri cattivi. Questi sono la causa di molti problemi e vorrebbero prendere il posto dei nostri alleati, distruggendo l'equilibrio esistente tra organismi buoni e cattivi.  


I probiotici, che sono i batteri buoni, costruiscono una barriera protettiva fin dall'inizio, in modo che il tratto digestivo rimanga sano.  


Ad esempio, in caso di squilibrio che crea infiammazione, allergia o disagio, i probiotici possono essere ingeriti sotto forma di capsule o polveri. Sostengono i microrganismi buoni e li aiutano a moltiplicarsi. Si sostituiscono ai batteri patogeni e danno sollievo.  

Probiotici e digestione

Tra diarrea, stitichezza o disturbo del viaggiatore, l'equilibrio digestivo è spesso alterato. I probiotici sono importanti alleati per aiutare la digestione. Combattendo gli alimenti indesiderati, troppo dolci, troppo acidi o non sempre salutari, aiutano l'intestino a digerire tutto ciò che mangiamo, mantenendo così intatto l'equilibrio della flora intestinale.

Protezione della flora vaginale

Con le mestruazioni, la gravidanza o la menopausa, la flora vaginale cambia e talvolta si deteriora. Lo stress, gli antibiotici o il fumo lo indeboliscono e riducono le sue difese naturali. Per le donne che ne soffrono, una flora vaginale squilibrata può portare a varie infezioni.  


Proprio come l'intestino, la flora vaginale è composta da microrganismi buoni e cattivi. Finché i batteri buoni superano quelli cattivi, si mantiene un equilibrio.  


I batteri lattici hanno questo ruolo protettivo. Creano un sistema di difesa producendo un ambiente piuttosto acido per combattere potenziali agenti patogeni. Se purtroppo si verifica uno squilibrio, è perché il contenuto batterico si è notevolmente ridotto.  


Per la prevenzione o il trattamento, è possibile utilizzare i probiotici per via orale o topica. I lattobacilli (batteri lattici) si moltiplicano, favoriscono i batteri buoni e creano un ambiente acido che protegge la flora vaginale.

Protezione della flora orale

Conosciuta anche come microbiota orale, la flora orale contiene vari tipi di batteri, sia sani che meno sani, che devono essere in equilibrio (sempre!) per massimizzare il benessere.


Per mantenere una flora sana, i microrganismi buoni devono essere in maggioranza. Impediscono quindi agli organismi patogeni di aggrapparsi alle pareti della bocca, ai denti e di creare infezioni o infiammazioni.  


Questo squilibrio può verificarsi a causa di: 

  • una cattiva alimentazione,
  • stress,
  • una scarsa igiene orale,
  • un ciclo di antibiotici.  

È qui che entrano in gioco i probiotici. Se si perde questo prezioso equilibrio, riparano la flora orale. Grazie alla loro azione localizzata, questi batteri buoni si moltiplicano, combattono le infezioni e hanno la meglio sugli agenti patogeni.  


Poiché alcuni batteri orali possono scendere nell'intestino e sviluppare malattie, è meglio prendersi cura della propria bocca e della propria flora. In questo modo si possono evitare carie, problemi intestinali cronici, infiammazioni gengivali...  

Quando devo assumere un ciclo di probiotici?

Ora sai tutto sui probiotici e sui loro benefici. Sai bene quanto siano preziosi per l'organismo e per l'equilibrio della flora batterica.  


Quindi hai voglia di inziare un trattamento. Ma... quando?  


Per ritrovare la salute solida, ecco diverse occasioni per assumere una cura probiotica:

  • dopo un episodio di diarrea per ripristinare l'equilibrio intestinale;
  • in caso di stitichezza;
  • per trattare o prevenire le infezioni vaginali;
  • per rafforzare il sistema immunitario, soprattutto per i bambini e gli anziani;
  • durante la gravidanza, per regolare il transito;
  • dopo una cura con antibiotici;
  • dopo un grande periodo di stress;
  • dopo un'infezione.  


Per avere la certezza della loro efficacia, è consigliabile assumerli all'inizio della colazione. Ricorda: i probiotici sono microrganismi vivi. Per svolgere appieno il loro ruolo, soprattutto se assunti per via orale, devono arrivare vivi nell'intestino!  


Quindi, all'inizio del pasto, l'ambiente intestinale è un po' meno acido e può accogliere meglio i probiotici. I nostri amici batteri avranno maggiori possibilità di arrivare sani e salvi a destinazione.

Le nostre raccomandazioni

formule probio

Formula Probio

Formula dall'efficacia clinicamente provata sulla flora intestinale.

  • ✅ 60 miliardi di UFC per assunzione
  • ✅ Sinergia di 6 ceppi microbiotici
  • ✅ Capsule gastroresistenti DRcaps®
  • ✅ Efficacia prolungata
Vai al prodotto

Come scegliere il giusto integratore alimentare di probiotici?

1) Concentrazione: l'UFC

È la quantità di probiotici presenti in una capsula (Unità Formanti Colonie). Se questo tasso è troppo basso, l'integratore alimentare non sarà efficace, poiché tutti i microrganismi moriranno durante il viaggio tra la bocca e l'intestino. Per ottenere effetti ottimali, scegli una capsula con 30 miliardi di CFU, preferibilmente gastroresistente, in modo che i microrganismi siano protetti durante il passaggio attraverso lo stomaco.

2) Qualità e resistenza del ceppo

Prima di acquistare l'integratore, assicurati che i ceppi probiotici siano di buona qualità. Devono essere eccellenti per garantire una buona cura. I migliori sono il lactobacillus paracasei e il reuteri. Devono inoltre essere molto resistenti per sopravvivere all'ambiente acido attraverso il quale passano e arrivano infine nell'intestino tenue e nel colon. I ceppi che sono stati studiati clinicamente sono un vero vantaggio.

3) La fonte degli integratori

Per essere certi della tracciabilità degli elementi utilizzati nell'integratore alimentare, della loro qualità e della loro efficacia, scegli prodotti testati e fabbricati in Francia. Se gli integratori alimentari probiotici sono chiari anche nella loro composizione e utilizzano un minimo di additivi, questa è un'ulteriore garanzia di qualità.  

Integrazione probiotica: controindicazioni

Di norma, i probiotici non sono dannosi per la salute. Come abbiamo visto, si tratta di batteri buoni che hanno lo scopo di proteggerci da possibili infezioni. Tuttavia, una quantità eccessiva è sempre negativa.  


Una quantità eccessiva di questi microrganismi può causare più danni che benefici, tra cui gonfiore e costipazione. È quindi importante non sovradosare le quantità giornaliere. 100 miliardi di batteri della stessa famiglia, ingeriti al giorno durante un ciclo di trattamento, è il massimo. Si consigliano 60 miliardi di UFC al giorno, che sono più che sufficienti e saranno altrettanto efficaci, senza alcun rischio di disturbi.  


Inoltre, è preferibile evitare di somministrare probiotici a neonati prematuri, bambini o adulti immunocompromessi. Per precauzione e per non creare effetti collaterali che potrebbero indebolire la loro salute, la loro integrazione è fortemente sconsigliata.    


Ecco fatto! Speriamo che dopo aver letto questa guida veda i batteri con occhi diversi e abbia compreso l'importanza di prenderti cura della tua diversa flora con i probiotici e i nostri amici batteri (buoni) 🦠 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

Prodotti consigliati

Continua a leggere

17/03/2023

Qual è il miglior probiotico? I nostri consigli e le nostre opinioni (2023)

25/04/2023

Probiotici e stitichezza: i batteri come alleati del transito intestinale